best free magento theme

Skip to Main Content »

Your shopping cart is empty

Calcolo Interessi Moratori - Interessi di Mora

 Calcolo interessi di Mora

Attuazione delle direttive 2000/35/CE e 2011/7/UE

"Lotta contro i ritardati pagamenti nelle transazioni commerciali"


 

 

Con questa applicazione è possibile calcolare gli interessi moratori previsti in caso di ritardato pagamento nelle transazioni commerciali.

L'applicazione è aggiornata sulla base del  DLGS 9 novembre 2012, n. 192 e del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni dalla L. 24 marzo 2012, n. 27.

Gli interessi moratori nelle transazioni commerciali sono dovuti dal debitore per il ritardo nel pagamento del proprio debito (debitore in mora) sulla base di un contratto stipulato con un fornitore di beni o servizi.

Il saggio di interesse di mora per il 2° semestre 2015, al netto della maggiorazione prevista, e' pari allo 0,05%.

Gli interessi moratori costituiscono una sorta di risarcimento per il danno causato dal ritardo nel pagamento e pertanto devono essere corrisposti anche se non previsti contrattualmente, tra l'altro senza l'onere per il creditore di provare il danno subìto.

 

La formula utilizzata per il calcolo degli interessi moratori è la seguente:

I = D x S x N/365

dove:

D è l'importo dovuto,
S è il tasso di mora,
N è il numero di giorni di maturazione degli interessi,
365 è il numero di giorni di cui è composto l’anno civile.

NOTA:
Trattandosi di interessi calcolati giornalmente, si assume che il denominatore sia 365 anche per gli anni bisestili. In caso contrario risulterebbe un interesse di mora giornaliero più basso negli anni bisestili, introducendo di fatto una disparità di trattamento in funzione del periodo di calcolo.
Tale considerazione, basata su un criterio di equità e uniformità, trova riscontro nella risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n.296/E del 14 luglio 2008 in materia di interessi dovuti in caso di ravvedimento operoso.